HomeCorporate

Gestione efficiente della carta stampata

u-remote massimizza le prestazioni nei sistemi intelligenti di post-produzione del centro stampa di giornali e riviste Ferag

 
Con i suoi sistemi intelligenti di post-produzione per giornali e riviste, la società svizzera Ferag AG sta dando un importante contributo affinchè le pubblicazioni raggiungano in tempo i lettori. Nell'ambito dell'automazione
u-remote sta sostenendo le prestazioni dell'impianto. Il sistema di I/O remoto di Weidmüller non si limita a garantire processi efficienti durante le operazioni continuative, ma anche prima.

Nella nostra vita quotidiana incontriamo giornali e riviste quasi ovunque andiamo: dalle nostre cassette delle lettere, attraverso la rivista che troviamo all'ingresso della metropolitana, nelle edicole, nei supermercati e aidistributori di benzina. Nella competizione con l'informazione digitale, il lasso di tempo tra il termine della stampa e la consegna dei prodotti stampati sta diventando sempre più breve. In particolare, i mezzi di stampa pubblicati giornalmente dovrebbero essere il più aggiornati possibile quando raggiungono il punto vendita o il lettore personalmente. Come specialista globale per i sistemi intelligenti di post-produzione per giornali e riviste, lil eader di mercato Ferag AG dedica le proprie soluzioni ad una sola idea: progettare le vie di trasporto tra la stampa e l'area distributiva per renderle le più produttive possibili.


Stoccaggio provvisorio senza soluzione di continuità nella produzione di quotidiani

 

Una parte integrante nella produzione efficiente di quotidiani è il temporaneo avvolgimento di prodotti stampati su elementi di stoccaggio intermedio salvaspazio chiamati MultiDisc. Questo sistema offre una soluzione per tutti i formati, senza bisogno di effettuare delle regolazioni in caso di cambiamenti nella lunghezza dei prodotti. Non appena il vettore disco vuoto entra nella stazione di avvolgimento, il processo di avvolgimento si avvia senza alcun intervento manuale. I vettori pieni vengono disconnessi automaticamente e possono essere rimossi con una navetta. Con queste proprietà, il vettore mobile garantisce un trasporto senza interruzioni tra i vari centri di produzione, per esempio.

 
I singoli sottosistemi devono essere connessi in rete in modo preciso, se il processo di avvolgimento sui MultiDisc deve essere costantemente integrato nelle altre fasi della produzione. La chiave per ottenere questo sta in un'automazione efficiente, che permetta un funzionamento affidabile dell'impianto. Per completare i compiti d'automazione dei suoi sistemi nel modo più efficiente possibile, Ferag AG si affida a soluzioni che combinano tecnologie ad alte prestazioni e produttività eccezionali.

 

“Dato che siamo attivi nel segmento della produzione in serie di macchine, le soluzioni che adottiamo non devono affermarsi in casi isolati, ma in modo continuativo – sia nei nostri processi produttivi sia durante il funzionamento nell'impianto del cliente. Per questo nella scelta di ogni componente i nostri parametri sono molto elevati,” spiega Stefan Sutter, Capo della MC Software Development, parlando delle esigenze di Ferag.

“Nella riprogettazione della nostra macchina avvolgitrice MTD-10, il nostro obiettivo era di creare un sistema altamente produttivo e a prova di guasto. Dopo aver provato diverse varianti di I/O remoto, la nostra

Nella riprogettazione delle sue macchine avvolgitrici, Ferag ha cercato un sistema di I/O remoto ad alte prestazioni – e lo ha trovato da  Weidmüller

scelta è caduta sul nuovo sistema di Weidmüller, le cui proprietà rispondevano in modo ottimale alle nostre esigenze di un'automazione potente ad alte prestazioni.”

Nessun compromesso: design compatto e installazione semplice

 

Le macchine avvolgitrici sono utilizzate come componenti modulari in diversi sotto-sezioni di un impianto Ferag – come un buffer dinamico tra le presse di stampa e l'area di spedizione, oppure come stoccaggio intermedio per gli stampati e gli inserti che verranno utilizzati più tardi, ad esempio. Per un comando decentralizzato, ogni macchina MTD-10 è equipaggiata con una stazione u-remote, collegata al sistema di controllo di livello superiore via EtherCAT. Al momento della progettazione dell'impianto, Ferag è stata conquistata in modo particolare dalla compattezza del pratico sistema di I/O remoto.
 

“Grazie all'elevata densità dei canali e al design sottile di un modulo, largo solo 11.5 mm, u-remote permette di risparmiare spazio ed offre opzioni di progettazione flessibili,” spiega Cédric Hengartner di Weidmüller, che ha fornito assistenza a Ferag durante il processo di riprogettazione delle macchine avvolgitrici in qualità di Project Manager per l'Automazione Industriale.

 

“Per essere precisi, Ferag trae vantaggio dal fatto che u-remote alimenta fino a 64 moduli I/O con un solo alimentatore sull'accoppiatore. Inoltre, due linee di corrente da 10 A ad alta portata sono separate in modo intelligente. in modo che gli ingressi e le uscite vengono alimentate separatamente. Con queste opzioni, le nostre stazioni u-remote possono essere progettate per risultare più sottili delle altre soluzioni prese in considerazione da Ferag. Questo risulta particolarmente vantaggioso per le cassette di commutazione decentralizzate, come quelle sulle macchine avvolgitrici, che possono così essere mantenute molto compatte.”

Nonostante l'assemblaggio compresso, il sistema non scende a compromessi sull'operatività – al contrario. Grazie al livello di

Nell'avvolgimento e srotolamento automatici degli stampati, le stazioni Ferag MTD-10 aumentano l'efficienza della produzione e distribuzione di quotidiani.

collegamento chiaramente innestabile, gli installatori di Ferag usufruiscono della possibilità di collegare 48 sensori e 32 attuatori per stazione, utilizzando cavi preassemblati. Inoltre è presente la tecnologia di connessione diretta PUSH IN, che offre un notevole risparmio di tempo compromessi sulla sicurezza.

Diagnosi via web server – sul posto e in remoto

Oltre ad un sistema stabile, le principali esigenze di Ferag riguardavano delle pratiche possibilità di diagnosi. “I problemi legati alla sicurezza sono per noi un argomento importante, quando si tratta di intervenire sul nostro software di sistema. In questo contesto, abbiamo da tempo voluto una soluzione alternativa che ci permettesse di effettuare la diagnostica durante il funzionamento ", spiega il Project Manager Norbert Bürge, che era responsabile per lo sviluppo del software per le macchine di avvolgimento MTD-10 . "Il sistema u-remote con il suo web server integrato è arrivato proprio al momento giusto."

 

Non è necessaria alcuna installazione di software perchè il web server consente la diagnostica tramite l'accesso remoto, utilizzando un browser standard. Ingressi e uscite di forza possono essere simulate a livello locale e con facilità. Con queste caratteristiche, il web server non solo facilita la messa in funzione per Ferag, ma velocizza anche i lavori di manutenzione durante il successivo funzionamento.

 

I benefici legati allo status unico e ai compiti di diagnostica diventano importanti durante le prove preliminari dell'impianto e il funzionamento continuo. Questo è un processo particolarmente facile con u-remote, dato che sul canale è posizionato un LED e su ogni modulo sono presenti indicatori di stato. I tecnici possono vedere gli errori istantaneamente e correggerli direttamente.

"Weidmüller ci ha dato la possibilità di testare in modo intensivo tutte le funzionalità del u-remote. A seguito di un test con esito positivo, ora possiamo integrare con fiducia il sistema nei nostri stabilimenti ", riferisce Bürge. "Siamo felici di aver trovato un sistema così stabile che permette la diagnostica fantastica e risponde alle nostre esigenze per l'automazione produttiva, dalla progettazione alla automazione operativa."

Inserito nei quadri di comando decentralizzati, u-remote garantisce un funzionamento senza intoppi dell'intera linea produttiva

 

Potrebbero interessarvi anche:

 

Web special con tutte le informazioni su u-remote, il nuovo sistema di I/O remoto in IP 20

Published in November 2013